CASCATE DEL MULINO

Conosciute in tutto il mondo per la loro singolare bellezza e per le incredibili proprietà dell’acqua termale, le Cascate del Mulino sono considerate le “Terme Libere più Belle della Toscana” e sono certamente una tappa imperdibile di un viaggio alla scoperta delle meraviglie della Maremma. Maestose, imponenti e suggestive, le Cascate del Mulino hanno senza dubbio qualcosa di magico, come se fossero un luogo di fantasia… Meravigliose in ogni stagione dell’anno, sono il luogo ideale per una vacanza di benessere e relax, lontano dallo stress della vita quotidiana ed immersi nella rigogliosa natura maremmana, ancora oggi profondamente selvaggia ed incontaminata. Già a prima vista regalano emozioni profonde e indescrivibili, ci si trova infatti di fronte ad una cascata naturale che riversa incessantemente acqua termale solfurea sulle sottostanti piscine scavate nella roccia di travertino e finisce poi nel ruscello più a valle, in un continuo scorrere di acque dai ricchi vapori che si innalzano verso il cielo. I contrasti di colori rendono queste cascate naturali un vero e proprio quadro vivente, si passa infatti dall’azzurro intenso dell’acqua al bianco delle vasche naturali, fino al verde della vegetazione circostante. Il dolce rumore della cascata accompagna ogni attimo della giornata, un dolce sottofondo per un bagno rigenerante cullati dall’acqua termale, beneficiando delle sue incredibili proprietà benefiche e curative.

UN PO’ DI STORIA…

Si hanno notizie in merito all’esistenza di una sorgente di acqua termale a Saturnia già in epoca etrusca e romana, quando le straordinarie proprietà curative di queste acque erano già ben note. Furono i romani a creare i primi bagni pubblici, luogo di ritrovo e di vita politica per la città di Saturnia (che è una delle più antiche d’Italia), sfruttando anche la sua vicinanza con l’antico tracciato della Via Clodia. Da allora le terme hanno sempre rappresentato un punto fermo nello sviluppo della città. Secondo la leggenda queste acque avrebbero origini divine, si narra infatti che il dio Saturno, in collera con gli uomini per le loro continue guerre, scagliò un fulmine infuocato che si conficcò nel terreno, originando un grande cratere dal quale iniziarono a sgorgare calde acque cariche di vapore, che seppero placare gli animi e dare vita a generazioni di uomini più saggi e in pace tra loro.

PROPRIETA’ DELLE ACQUE

L’acqua termale di Saturnia nasce sulla Vetta del Monte Amiata (rilievo di origine vulcanica) e raggiunge la sorgente naturale di Saturnia solamente dopo quaranta anni durante i quali filtra lentamente, goccia a goccia, tra le fessure della roccia, ad una profondità di circa 60 metri. Questo lungo percorso arricchisce l’acqua di preziosi minerali ed elementi, e le conferisce proprietà benefiche e curative uniche al mondo. L’acqua sgorga dalla sorgente termale ad una temperatura costante di 37,5°C, con una portata di 500 l/s. L’acqua sorgiva di Saturnia è classificata come solfurea, carbonica, solfata, bicarbonato-alcanina-terrosa, ricchissima di idrogeno solforato, anidride carbonica libera, ioni di solfato, bicarbonato, calcio e magnesio. L’acqua ha effetti benefici sulla pelle, aumenta la ventilazione polmonare, riduce la pressione, migliora il funzionamento dell’apparato cardiaco, circolatorio e respiratorio, svolge una importante azione antiaging sul fegato ed ha significative proprietà peeling, esfolianti ed antisettiche. Per queste sue straordinarie caratteristiche e proprietà, l’acqua delle Terme di Saturnia è indicata per il trattamento di vari disturbi e patologie :

– artrosi, reumatismi e osteoartrosi
– psoriasi, dermatiti, dermatosi, acne, eczemi
– rinopatie, faringolaringiti, sinusiti, sindromi sinuoso-bronchiali

INFORMAZIONI UTILI

Le Cascate del Mulino sono terme libere, ciò significa che sono sempre aperte, tutto l’anno, senza limitazioni di orario, e che l’ingresso è completamente gratuito. A disposizione dei visitatori c’è un grande parcheggio, anch’esso libero, che si trova solo a pochi passi dalle cascate naturali. Trattandosi però di terme libere, è bene tenere in considerazione che non sono presenti servizi quali lettini, ombrelloni e spogliatoi, qui ci si immerge completamente nella natura, vi consigliamo quindi di raggiungere le cascate già con il vostro costume indosso e di portarvi solo lo stretto necessario per un bel bagno rigenerante (asciugamano, accappatoio, scarpette da scoglio). Se volete scoprire il lato più selvaggio ed accattivante di queste cascate, vi consigliamo sicuramente il bagno di notte, quando potrete godervi un bagno rilassante in assoluta tranquillità, illuminati dalla dolce luce della luna e accompagnati dal rassicurante rimbombare dell’acqua che scorre, vi sembrerà di essere in un sogno!

NEI DINTORNI…

Dopo un bagno rilassante nelle calde piscine naturali delle Cascate del Mulino, non c’è niente di più bello di una passeggiata alla scoperta dei borghi più belli della Maremma Toscana. A pochi minuti da questo luogo magico infatti, sorgono alcune delle cittadine più belle della Toscana del sud, preziosi scrigni di arte, storia e cultura…

Saturnia

Saturnia è la cittadina che dona il nome alle terme ed è anche una delle città più antiche d’Italia. Vi sono testimonianze circa l’esistenza di un insediamento nel Neolitico e, in seguito, in età Villanoviana. In epoca etrusca la città di Saturnia visse un periodo di grande crescita e sviluppo, era posta sotto il controllo dell’antica Caletra, ed a questo periodo risalgono le preziose necropoli (datate VIII secolo a.C.) e l’originaria cortina muraria. In seguito la città fu posta sotto il controllo di Vulci ed alla sua caduta per mano delle truppe romane, anche Saturnia fu posta sotto il controllo dell’Impero Romano divenendo, nel 183 a.C., una colonia Sabatina. Nel corso dei secoli poi la città divenne un importante proprietà dei conti Aldobrandeschi, passò poi agli Orsini, alla Repubblica di Siena ed infine al Granducato di Toscana.
Cosa vedere :
– Chiesa di Santa Maria Maddalena, risalente al 1188 e citata per la prima volta in una bolla da Papa Clemente III. Al suo interno si possono ammirare un dipinto della Madonna col Bambino ed i Santi Sebastiano e Maria Maddalena, realizzato da Benvenuto di Giovanni tra il XV e il XVI secolo, un dipinto di San Francesco d’Assisi, un tabernacolo in legno e due croci lignee datate XVIII secolo.
– Cinta Muraria, costruita originariamente dagli etruschi e fortificata dai romani nel II secolo a.C., la cortina muraria di Saturnia cinge tutto l’abitato antico. In origine contava tre porte di accesso, delle quali oggi rimane solo la principale Porta Romana, che sorge a protezione dell’antico tracciato della Via Clodia.

Montemerano

E’ uno dei borghi più belli d’Italia, piccolo e intimo, è un paesino sicuramente da non lasciarsi scappare! Le sue origini sono medievali, anche se esistono testimonianze di antichissimi insediamenti risalenti al Neolitico ed all’età del Bronzo nelle campagne limitrofe. Montemerano è uno di quei luoghi che ti catturano sin dal primo sguardo, qui infatti il tempo sembra essersi fermato ed è bello perdersi tra le vie del suo centro storico scoprendo i negozietti artigiani, le botteghe ed ammirando le antiche mura di cinta, una piazzetta nascosta e l’intricato dedalo di vicoletti… da non perdere sicuramente Piazza del Castello, senza dubbio il luogo più bello di questo borgo antico, si tratta dell’antica piazza d’armi del castello ed oggi scenario di eventi e manifestazioni. Bellissima la Chiesa di San Giorgio, dedicata al santo patrono della città.